La passione per il modellismo e per le battaglie di carri armati RC si uniscono nel Forum, nel BLOG e nel Sito di RCTANKIR: la community di appassionati di tank radiocomandati TAMIYA, HENG LONG, WSN & Co… Basta che abbia i cingoli e il Battle System e sei dei nostri !!!

martedì 15 ottobre 2013

LO SCANDALO DEL SUPERSHERMAN TAMIYA (?)

Una interessante discussione sul forum di RCUniverse relativamente al carro in oggetto mi da lo spunto per fare due chiacchiere relativamente a questo modello della casa giapponese che è stato lanciato sul mercato a fine 2009 (QUI la discussione in inglese su RCU).
Si parla di scandalo perché l’accoglienza di alcuni appassionati a questo carro è stata abbastanza feroce e non in senso buono.
Vediamo di analizzare quali sono i problemi di questo carro.

Prima di procedere una debita premessa
. I modelli di carri degli altri produttori cinesi  hanno avuto errori di realizzazione anche superiori rispetto a questo modello. Tuttavia, dato il costo di questo carro armato radiocomandato, è lecito pretendere molto di più ed essere indulgenti verso Tamiya.
Cominciamo dal nome: sebbene i carri israeliani M-50 ed M-51 siano globalmente conosciuti come SUPER SHERMAN (basti pensare che la pagina wikipedia di M-50/1 si chiama http://en.wikipedia.org/wiki/Super_Sherman) questa designazione non è mai stata usata dall’esercito israeliano. Per la precisione l’M-51 è conosciuto,allo stesso modo, anche come ISHERMAN (da Israeli SHERMAN) ma anche questo non è altro che un “soprannome”.  Per l’esercito israeliano (IDF) l’unico super sherman ufficiale è l‘ M-1 M-4A1 con cannone da 76mm.
C’è quindi chi considera un errore che Tamiya abbia chiamato il carro M-51 SUPER SHERMAN e non solamente M-51. 


Tamiya stessa, nel modellino statico in 1/35 non aveva commesso questa imprecisione

Cosa che invece hanno fatto anche altre case nello statico


Personalmente la trovo una questione di lana caprina ma ognuno è, ovviamente, liberissimo di considerarlo un errore o meno, ma questo è sicuramente il minore dei problemi di questo carro.
Detto questo veniamo alla domanda che è la pietra dello scandalo: l’M-51 prodotto da Tamiya è mai esistito realmente?
La risposta è: quasi!
Vediamo nel dettaglio quali sono stati i particolari discussi e le motivazioni.
1-      Sospensioni
Solo i primi prototipi montavano le sospensioni di tipo VVSS ma il peso del carro con le nuove torrette/cannoni risultava eccessivo e sono state quindi sostituite con le HVSS. Sotto questo aspetto il carro è corretto.
Sospensioni HVSS

2-      Torretta
La torretta è un pezzo di nuova produzione così come lo scudo e il cannone. L’unico problema riguarda i cingoli di riserva applicati sui lati che in realtà erano presenti solo a destra o solo a sinistra. Anche se le istruzioni prevedono di applicarli entrambi In fase di realizzazione il modellista può scegliere quale versione realizzare. Sotto questo aspetto possiamo dire che il carro è corretto.
Modello di M51 realizzato con scafo in fusione e torretta originale


3-      Scafo
Inizialmente sembrava che gli M-51 avessero solo lo scafo superiore realizzato in una unica fusione mentre le ricerche fatte da alcuni modellisti hanno dimostrato che esistevano anche esemplari con lo scafo saldato anche se in minoranza rispetto agli altri. Anche su questo aspetto il carro è corretto.


M51 con scafo con piastre saldate

4-      Supporto cannone
L’ M-51 aveva il supporto per il cannone sul retro del carro. Il modello Tamiya ha mantenuto quello frontale dello Sherman con cannone da 105mm così come gli attacchi sulla piastra frontale. Questo particolare è sbagliato.
Il supporto cannone dell'M51 era fatto così

Ed era posteriore e non anteriore come nel kit Tamiya

5-      Cofano motore
Già dalle prime prove sull’M-50 ci si rese conto che il motore di derivazione aeronautica a benzina che equipaggiava gli Sherman  non aveva abbastanza potenza con i nuovi cannoni/torrette.
Sugli M-51 venne adottato praticamente da subito il motore diesel della Cummins. Pare che di M-51 solo un carro prototipo e un paio di carri di riserva  avessero montato il motore a benzina (e dubito che in Tamiya lo sapessero...).
I cofani motore delle due unità motrici erano differenti e il kit adotta quello del motore a benzina pertanto, anche se di fatto esistito in 3 unità, possiamo dire che quello del modello giapponese è sbagliato.


Questo il cofano riprodotto dal kit tamiya


Questo il cofano motore corretto (Cummins)
Realizzazione del cofano corretto in 1/16 (by Nigel)

6-      Taniche e cassette porta oggetti.
La forma delle taniche e delle cassette portaoggetti collocate sui fianchi dello scafo sono diverse da quelle utilizzate in realtà (vedere le foto precedenti). Anche se di minore rilevanza questo aspetto del modello  giapponese è sbagliato.


In conclusione:
possiamo dire che questo carro armato così come proposto da Tamiya non è corretto anche se gli errori che si pensava presentasse sono meno di quelli rilevati inizialmente. Con pochi pezzi Tamiya avrebbe potuto realizzare un M-51 corretto ma in questo caso è stata colta da “braccino corto”.Ovviamente sta a chi volesse valutarne l’acquisto considerare se gli errori che presenta sono personalmente accettabili o meno. Va segnalato che quantomeno Tamiya ha ammesso il proprio errore scusandosi per le imprecisioni commesse.

Uno speciale ringraziamento a Nigel di Rc tank Regiment per aver concesso la pubblicazione delle immagini del suo M51 QUI potete vedere il suo splendido lavoro.

P.S. Non sono un esperto di Sherman e mi scuso per eventuali imprecisioni. In caso di errori segnalatelo nei commenti.

5 commenti:

Jertyk Modell ha detto...

Come ho già fatto in precedenza altre volte, devo congratularmi per la tua cultura tankista che se anche non ti definisci un esperto è decisamente superiore alla mia e ringraziarti per questi bellissimi articoli di vera informazione. Chi ne è appassionato non può certamente lasciarseli sfuggire per accrescere il proprio bagaglio sul mondo dei tank radiocomandati ed io personalmente li aspetto come si aspetta l'uscita di un mensile in edicola.
Grazie Murdock73

Murdock73 ha detto...

Grazie Jertik ma il lavoro più grande lo hanno fatto gli altri appassionati che si sono documentati e hanno segnalato le inesatezze e quello che è corretto di questo modello. Più o meno la pappa era già pronta ;-)
ciao

Andrea Del Vesco ha detto...

7-Le maglie di ricambio erano poste o sulla torretta o sui lati dello scafo, mai in entrambi i posti contemporaneamente.

8-La parete posteriore dello scafo, con gli scarichi e i portelli di accesso al motore, è completamente sbagliata.

CPT America ha detto...

Mi state stuzzicando a comprare questo modello.
Parlandone già da almeno un anno con Nigel di Rc tank Regiment (siamo amici virtuali) va a finire che me lo compro veramente così anche in Italia ce ne sarebbe uno rivisto e corretto come un modello reale ma differente dalle versioni di Nigel.
Complimenti per l'articolo e la correttezza che hai usato segnalando le fonti dove hai ricavato foto e notizie.

Andrea Del Vesco ha detto...

9-L'elettronica di serie riproduce il suono di un radiale a benzina, anzichè del Cummins diesel.